Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
 FAQFAQ   CercaCerca   IscrittiIscritti   Gruppo  utentiGruppo utenti   IscrizioneIscrizione 
 ProfiloProfilo   Login per controllare i messaggi privatiLogin per controllare i messaggi privati   LoginLogin 

La diffido!
Vai a 1, 2  Successivo
 
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica
Mostra argomento precedente :: Mostra argomento successivo  
Autore Messaggio
giandemilan



Iscritto: 19 Feb 2005
Messaggi: 91
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 20:59    Oggetto: La diffido! Rispondi con citazione

... niente paura, si tratta solo di un quesito linguistico Laughing.
A quel che mi risulta, diffidare, come verbo transitivo, significa invitare perentoriamente qualcuno ad astenersi dal fare qualcosa: "La diffido dal continuare a importunarmi".
Invece, gli avvocati mandano i cosiddetti atti di diffida agli avversari dei loro clienti, anche per invitarli a un facere, e scrivono, per esempio: "La diffido a distruggere il muro da Lei abusivamente costruito", ecc.
Si tratta di un uso corretto di questo verbo? E se non lo è, come penso, l'uso (chiedo un po' provocatoriamente) può prevalere, in questo ambito specifico, sulla norma, o al contrario la norma può, anche presso gli avvocati, esercitare il proprio diritto di relegare l'uso scorretto tra gli strafalcioni?
Grazie in anticipo a chi vorrà rispondermi.
_________________
giandemilan
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Federico



Iscritto: 07 Ott 2005
Messaggi: 224
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 21:51    Oggetto: Rispondi con citazione

In effetti il Treccani in linea accenna a questa possibilità:
Treccani in linea ha scritto:
diffidare v. intr. e tr. [dal lat. diffidĕre, rifatto secondo fidare, confidare e sim.]. [...] 2. tr. Invitare qualcuno ad astenersi da un determinato comportamento o a compiere una determinata attività, sia oralmente, sia, in senso proprio, mediante esplicita diffida scritta: vi diffidiamo dal mettere (oppure, con altra costruzione, a non mettere) in vendita i vostri prodotti in confezioni uguali alle nostre. Infliggere una diffida di polizia: era stato diffidato perché vagabondo abituale.

_________________
“Le lingue, dove c’è nazione, sono patrimonio pubblico amministrato dagli eloquenti; e dove non è, si rimangono patrimonio di letterati; e gli autori di libri scrivono solo per autori di libri”
Foscolo
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
giandemilan



Iscritto: 19 Feb 2005
Messaggi: 91
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 22:16    Oggetto: Rispondi con citazione

Al mio amato De Mauro sembra non risultare.
De Mauro, Dizionario della lingua italiana ha scritto:
Diffidare: intimare una diffida a qcn.; Diffida: invito formale, spec. scritto, rivolto a qcn. perché si astenga da un comportamento o da una attività, unito all'avvertimento delle conseguenze derivanti dall'inadempienza.

Esistono altre definizioni per entrambi i lemmi, ma le uniche che calzano coi miei esempi mi sembrano queste due.
_________________
giandemilan
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Marco1971



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 1461

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 23:36    Oggetto: Rispondi con citazione

Nel Battaglia è presente questa definizione (sebbene gli esempi non mostrino la costruzione con a):
Citazione:
Diffidare 6. Dir. Comunicare, intimare con diffida (cfr. DIFFIDA n. 1); applicare la misura di prevenzione della diffida (cfr. DIFFIDA n. 2).

Il termine fu criticato dai puristi (ricordo l’Arlía), ma mi pare ormai legittimo.
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Incarcato



Iscritto: 18 Gen 2005
Messaggi: 461

MessaggioInviato: Mar, 13 Dic 2005; 12:47    Oggetto: Rispondi con citazione

Il primo — e chiaro — significato di diffidare è quello di ‘negare la propria fiducia’, un diffidato è qualcuno che in qualche modo ha perso la fiducia, cioè quel ‘credito sociale’ che la norma gli attribuisce fintanto che la rispetta.
Per cui io distinguerei a livello linguistico l'atto della diffida (in sé compiuto) da quello che si presuppone affiché la diffida stessa sia ritirata. Quindi: « io la diffido acché rimuova/eriga il muro di separazione ».

Comunque questo è il modo in cui io mi esprimerei, che tuttavia credo sia lecito avanzare dato che l'uso in oggetto non risulta chiaro nemmeno dopo la consultazione del Battaglia, a dimostrazione che si tratta d'una costruzione problematica (forse anche perché poco usata).
_________________
Morgen habe denn das Rechte / Seine Freunde wohlgesinnet, / Wenn nur heute noch das Schlechte / Vollen Platz und Gunst gewinnet
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email MSN Messenger
palmiro



Iscritto: 05 Ago 2005
Messaggi: 8

MessaggioInviato: Mar, 13 Dic 2005; 22:21    Oggetto: Rispondi con citazione

Chiedo scusa se riapro un vecchio post, ma mi è rimasto un dubbio che vorrei fosse risolto.
Il verbo "diffidare" nel suo significato transitivo significa anche voler che qualcuno faccia qualcosa o solamente che si astenga dal fare qualcosa?
La reggenza verbale con la prep. "a" è ammessa o no?
Grazie
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Marco1971



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 1461

MessaggioInviato: Mar, 13 Dic 2005; 22:51    Oggetto: Rispondi con citazione

Il Treccani in linea ha scritto:
diffidare v. intr. e tr. [dal lat. diffidĕre, rifatto secondo fidare, confidare e sim.]. – 1. intr. (aus. avere) Non fidarsi, non aver fiducia in qualcuno o in qualche cosa: è così sospettoso che diffida di tutto e di tutti; diffido delle sue parole, delle sue promesse; ho sempre diffidato delle persone che non guardano in faccia; diffidate delle imitazioni! Anticam. anche con la particella pron., sia nell'accezione prec., sia con il sign. di perdere la fiducia, la speranza: io mi son diffidato di poter mai indur donna alcuna ad amarmi (B. Castiglione). 2. tr. Invitare qualcuno ad astenersi da un determinato comportamento o a compiere una determinata attività, sia oralmente, sia, in senso proprio, mediante esplicita diffida scritta: vi diffidiamo dal mettere (oppure, con altra costruzione, a non mettere) in vendita i vostri prodotti in confezioni uguali alle nostre. Infliggere una diffida di polizia: era stato diffidato perché vagabondo abituale. ✦ Manca il part. pres., in luogo del quale si adopera diffidènte, con valore di agg. (v. la voce). ✦ Part. pass. diffidato, anche agg. e sost., di persona che ha ricevuto una diffida.

P.S. In italiano, post si dice messaggio o intervento. Wink (A meno che non intenda thread, nel qual caso abbiamo filone.)
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Eorl



Iscritto: 12 Dic 2005
Messaggi: 30

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 10:48    Oggetto: Rispondi con citazione

post = messaggio o intervento. e non ci piove

ma thread = filone mi pare meno convincente.

è un altro degli usi propositivi di questa comunità, come lo stàndaro che ho incontrato qui per la prima volta, o possiede basi maggiormente condivise?
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
ugocon



Iscritto: 18 Lug 2005
Messaggi: 233
Località di residenza: Roma

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 11:45    Oggetto: Rispondi con citazione

Diciamo che filone è entrato abbastanza nel linguaggio di questo forum.
Si potrebbe anche usare, a mio avviso, argomento, che calza benissimo.

Ugo
_________________
Una volta che abbiate conosciuto il volo, camminerete sulla Terra guardando al cielo, perché là siete stati e là desiderate tornare...
Leonardo da Vinci
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Infarinato



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 564

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 11:51    Oggetto: Rispondi con citazione

ugocon ha scritto:
Diciamo che filone è entrato abbastanza nel linguaggio di questo forum.
Si potrebbe anche usare, a mio avviso, argomento, che calza benissimo.

Thread = «filone» (se non ricordo male, sarà presto lemmatizzato dal De Mauro/GRADIT in quest’accezione),
topic = «argomento».
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Visita il sito di chi scrive
Eorl



Iscritto: 12 Dic 2005
Messaggi: 30

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 12:01    Oggetto: Rispondi con citazione

Infarinato ha scritto:
ugocon ha scritto:
Diciamo che filone è entrato abbastanza nel linguaggio di questo forum.
Si potrebbe anche usare, a mio avviso, argomento, che calza benissimo.

Thread = «filone» (se non ricordo male, sarà presto lemmatizzato dal De Mauro/GRADIT in quest’accezione),
topic = «argomento».

Condivisibile anche la traduzione di topic con argomento;
rimango perplesso su Thread = «filone», ma posso adeguarmi (almeno in questa sede!). Wink
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
bubu7



Iscritto: 27 Gen 2005
Messaggi: 225

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 12:23    Oggetto: Rispondi con citazione

Infarinato ha scritto:
Thread = «filone» (se non ricordo male, sarà presto lemmatizzato dal De Mauro/GRADIT in quest’accezione)...


Se si riferisce al fatto che Marco1971 ha proposto il termine alla redazione del De Mauro/Paravia (non GRADIT!) e alla risposta ("ringraziamo, ne faremo tesoro" [mi sembra]) la sua affermazione: "Sarà presto lemmatizzato" mi sembra quantomeno ottimistica! Very Happy

Questo non toglie che il termine non mi dispiaccia! Smile


Ultima modifica effettuata da bubu7 il Gio, 15 Dic 2005; 9:10, modificato 1 volta in totale
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Federico



Iscritto: 07 Ott 2005
Messaggi: 224
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 14:35    Oggetto: Rispondi con citazione

bubu7 ha scritto:
Se si riferisce al fatto che Marco1971 ha proposto il termine alla redazione del De Mauro/Paravia (non GRADIT!)
Infatti se non ricordo male nel GRADIT è già lemmatizzato.
_________________
“Le lingue, dove c’è nazione, sono patrimonio pubblico amministrato dagli eloquenti; e dove non è, si rimangono patrimonio di letterati; e gli autori di libri scrivono solo per autori di libri”
Foscolo
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
bubu7



Iscritto: 27 Gen 2005
Messaggi: 225

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 17:14    Oggetto: Rispondi con citazione

Federico ha scritto:
bubu7 ha scritto:
Se si riferisce al fatto che Marco1971 ha proposto il termine alla redazione del De Mauro/Paravia (non GRADIT!)
Infatti se non ricordo male nel GRADIT è già lemmatizzato.

Ricorda male. Wink
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Marco1971



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 1461

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 17:30    Oggetto: Rispondi con citazione

Comunque, prima o poi filo o filone (di discussione) entrerà anche nel GRADIT: già Google ne segnala alcune occorrenze.

Filone di discussione: 270

Filo di discussione: 814

Sono poche, ma ci sono! Wink E questi dati rappresentano solo una parte delle occorrenze totali (ho fatto la ricerca con le virgolette).
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Mostra i messaggi a partire da:   
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica Tutti gli orari del forum sono CET (Europa)
Vai a 1, 2  Successivo
Pag. 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi iniziare nuovi argomenti
Non puoi rispondere ai messaggi
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare i sondaggi