Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
 FAQFAQ   CercaCerca   IscrittiIscritti   Gruppo  utentiGruppo utenti   IscrizioneIscrizione 
 ProfiloProfilo   Login per controllare i messaggi privatiLogin per controllare i messaggi privati   LoginLogin 

"demònio" e "dèmoni"
Vai a 1, 2  Successivo
 
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica
Mostra argomento precedente :: Mostra argomento successivo  
Autore Messaggio
Lindbergh



Iscritto: 24 Nov 2005
Messaggi: 18
Località di residenza: Salerno

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 14:01    Oggetto: "demònio" e "dèmoni" Rispondi con citazione

Perchè diciamo "demònio" al singolare e "dèmoni" al plurale? In altre parole: perchè il singolare è piano mentre il plurale è sdrucciolo?
_________________
Non sono che l'anima di un pesce con le ali, / volato via dal mare ad annusare le stelle... Difficile non è partire contro la corrente, / ma salire nel cielo e non trovarci niente.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
AreaDiBroca



Iscritto: 18 Set 2005
Messaggi: 36

MessaggioInviato: Ven, 09 Dic 2005; 15:21    Oggetto: Rispondi con citazione

Dèmoni è il plurale di dèmone, non di demònio!
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Lindbergh



Iscritto: 24 Nov 2005
Messaggi: 18
Località di residenza: Salerno

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 15:40    Oggetto: Rispondi con citazione

Hai ragione.. E il plurale di demonio, qual è?
_________________
Non sono che l'anima di un pesce con le ali, / volato via dal mare ad annusare le stelle... Difficile non è partire contro la corrente, / ma salire nel cielo e non trovarci niente.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Infarinato



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 564

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 15:48    Oggetto: Rispondi con citazione

Lindbergh ha scritto:
Hai ragione.. E il plurale di demonio, qual è?

Demòni (scritto anche demonî, demonii e, in passato, pure demoni’, demonj)…
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Visita il sito di chi scrive
Federico



Iscritto: 07 Ott 2005
Messaggi: 224
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 16:31    Oggetto: Rispondi con citazione

Ma il demonio non è uno solo? Question
_________________
“Le lingue, dove c’è nazione, sono patrimonio pubblico amministrato dagli eloquenti; e dove non è, si rimangono patrimonio di letterati; e gli autori di libri scrivono solo per autori di libri”
Foscolo
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Infarinato



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 564

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 16:39    Oggetto: Rispondi con citazione

Federico ha scritto:
Ma il demonio non è uno solo? Question

Non in tutte le accezioni del termine. Wink
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Visita il sito di chi scrive
Eorl



Iscritto: 12 Dic 2005
Messaggi: 30

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 17:13    Oggetto: Rispondi con citazione

IL demonio è Lucifero, ma un bambino strilla come UN demonio, e due come demòni (o una delle varianti grafiche di cui sopra).
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Federico



Iscritto: 07 Ott 2005
Messaggi: 224
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Mer, 14 Dic 2005; 17:17    Oggetto: Rispondi con citazione

Infarinato ha scritto:
Federico ha scritto:
Ma il demonio non è uno solo? Question

Non in tutte le accezioni del termine. Wink
Ah, già, che stupido... c'è da dire che il plurale è decisamente minoritario:
Treccani in linea ha scritto:
demònio (ant. e poet. dimònio) s. m. [...] 2. fig. Persona di animo malvagio, e scaltra nell'ideare o provocare il male: è un d., un vero d.; se [don Rodrigo] ha avuto cuore fìn d'allora di mandare que' due demòni a farmi una figura di quella sorte sulla strada, ora poi, chi sa cosa farà! (Manzoni). Ricorre in molte locuz.: [...][tutte locuzioni in cui è al singolare] 3. Non com. per demone, nel sign. fig.: avere il d. del gioco, dell'invidia e sim [idem]


Eorl ha scritto:
IL demonio è Lucifero, ma un bambino strilla come UN demonio, e due come demòni (o una delle varianti grafiche di cui sopra).
Uh, un'accezione non riportata (esplicitamente)... In effetti in questo caso è facilissimo trovare un plurale...
_________________
“Le lingue, dove c’è nazione, sono patrimonio pubblico amministrato dagli eloquenti; e dove non è, si rimangono patrimonio di letterati; e gli autori di libri scrivono solo per autori di libri”
Foscolo
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
lapasquina



Iscritto: 10 Nov 2005
Messaggi: 17
Località di residenza: milano

MessaggioInviato: Sab, 17 Dic 2005; 19:52    Oggetto: Rispondi con citazione

ciao a tutti!
ho sentito persone di una certa levatura linguistica dire demòni, per dèmoni, parlando dell'inferno dantesco. sono dèmoni o demòni? scusate per la domanda pleonastica, ma vorrei essere sicura, prima di peccare di ipercorrettismo.
grazie ciao
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato MSN Messenger
Marco1971



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 1461

MessaggioInviato: Sab, 17 Dic 2005; 20:13    Oggetto: Rispondi con citazione

Sono demòni. Tuttavia, nella lingua letteraria dèmone è talvolta impiegato nel senso di demonio. Nell’uso antico, stando all’estensione della voce e degli esempi nel Battaglia, demonio era (e tuttora è) nettamente prevalente.
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
alberto pento



Iscritto: 23 Giu 2005
Messaggi: 98
Località di residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Sab, 17 Dic 2005; 20:43    Oggetto: Rispondi con citazione

Forse nell’era pagana del pluralismo divino, quando la divinità era costituita da più Dei, negli inferi c’erano i dèmoni, al plurale.
Poi con l’era dei monoteismi del Dio unico, anche i demòni si son dovuti unificare e così si è giunti ad “demonio” e quella “o” potrebbe star a indicare questa fusione dei “demòni” in un solo “demonio”.
Perciò il demonio è qualcosa di diverso e di più di un dèmone.
_________________
berto


Ultima modifica effettuata da alberto pento il Sab, 17 Dic 2005; 22:43, modificato 1 volta in totale
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Marco1971



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 1461

MessaggioInviato: Sab, 17 Dic 2005; 22:06    Oggetto: Rispondi con citazione

Donde ricava codesta teoria?

P.S. Gli dèi pagani vogliono la minuscola. Wink
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
alberto pento



Iscritto: 23 Giu 2005
Messaggi: 98
Località di residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Sab, 17 Dic 2005; 22:38    Oggetto: Rispondi con citazione

Gentile Marco 1971

L'esposizione della mia teoria è preceduta da un "forse".
E' un'ipotesi o speculazione meramente intuitiva più che frutto di uno studio storico-filologico, non me ne se ne voglia; postata amichevolmente in questa sede che per me non diverge molto fa un filò.

Su la corretta ortografia di -"Dei" +"dèi", Lei ha senz'altro ragione.
Ma tenga in considerazione che io (scrivendo in italiano) devo fare i conti anche con l'altra mia lingua, quella Veneta, dove si ha pure: "déi x dita e diti" e "dei x degli"; che mi condizionano nella pronuncia e nell'ortografia.

Poi, per democratico rispetto (grammatica naturale, istintiva, automatica) mi viene spontanea la maiuscola, onde non incorrere in discriminazioni. Sa, nemmeno il sottoscritto è immune dal condizionamento del "politicamente corretto"; le associazioni dei pagani, potrebbero risentirsi e protestare.

Approfitto per sottoporre alla vostra acuta critica e alla vostra appassionata sapienza linguistica, un mio dubbio.
Se il Dio dei monoteismi è divinità essenzialmente e semanticamente diversa da quella degli "Dei o dèi" pagani e se si volesse sempre evidenziare anche fonemicamente la differenza, come dovrebbe essere il plurale di Dio (forse Dii) e il singolare di Dei o dèi (forse Deo o dèo)?
_________________
berto
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
lapasquina



Iscritto: 10 Nov 2005
Messaggi: 17
Località di residenza: milano

MessaggioInviato: Dom, 18 Dic 2005; 19:17    Oggetto: Rispondi con citazione

ma il Demonio è uno o sono molti?
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato MSN Messenger
lapasquina



Iscritto: 10 Nov 2005
Messaggi: 17
Località di residenza: milano

MessaggioInviato: Dom, 18 Dic 2005; 19:20    Oggetto: Rispondi con citazione

intercorre differenza di senso tra Demonio e Diavolo? e dal punto di vista etimologico? all'Inferno ci sono tanti demòni o solo un demonio, Lucifero?
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato MSN Messenger
Mostra i messaggi a partire da:   
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica Tutti gli orari del forum sono CET (Europa)
Vai a 1, 2  Successivo
Pag. 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi iniziare nuovi argomenti
Non puoi rispondere ai messaggi
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare i sondaggi