Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
 FAQFAQ   CercaCerca   IscrittiIscritti   Gruppo  utentiGruppo utenti   IscrizioneIscrizione 
 ProfiloProfilo   Login per controllare i messaggi privatiLogin per controllare i messaggi privati   LoginLogin 

Traduzione

 
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica
Mostra argomento precedente :: Mostra argomento successivo  
Autore Messaggio
Leda



Iscritto: 14 Nov 2005
Messaggi: 24

MessaggioInviato: Gio, 01 Dic 2005; 18:27    Oggetto: Traduzione Rispondi con citazione

Mi rivolgo ai frequentatori poliglotti del forum per avere un’opinione in merito alla correttezza della traduzione italiana dell’art. 3 della Direttiva 93/13/CEE del Consiglio della Comunità europea, che riporto nelle lingue principali.

Article 3
1. Une clause d'un contrat n'ayant pas fait l'objet d'une négociation individuelle est considérée comme abusive lorsque, en dépit de l'exigence de bonne foi, elle crée au détriment du consommateur un déséquilibre significatif entre les droits et obligations des parties découlant du contrat.
Artikel 3
(1) Eine Vertragsklausel, die nicht im einzelnen ausgehandelt wurde, ist als mißbräuchlich anzusehen, wenn sie entgegen dem Gebot von Treu und Glauben zum Nachteil des Verbrauchers ein erhebliches und ungerechtfertigtes Mißverhältnis der vertraglichen Rechte und Pflichten der Vertragspartner verursacht.
Artículo 3
1. Las cláusulas contractuales que no se hayan negociado individualmente se considerarán abusivas si, pese a las exigencias de la buena fe, causan en detrimento del consumidor un desequilibrio importante entre los derechos y obligaciones de las partes que se derivan del contrato.
Article 3
1. A contractual term which has not been individually negotiated shall be regarded as unfair if, contrary to the requirement of good faith, it causes a significant imbalance in the parties' rights and obligations arising under the contract, to the detriment of the consumer.
Articolo 3
1. Una clausola contrattuale, che non è stata oggetto di negoziato individuale, si considera abusiva se, malgrado il requisito della buona fede, determina, a danno del consumatore, un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti derivanti dal contratto.

Mi riferisco in particolare all’inciso che, nella versione italiana, è stato tradotto con “malgrado il requisito della buona fede”, poi divenuto, nell’art. 1469-bis del codice civile, solo “malgrado la buona fede”: tale locuzione, sembra fare riferimento ad una condizione soggettiva del contraente che ha predisposto la clausola (nel senso che, anche qualora questi fosse in buona fede, la clausola dovrebbe comunque considerarsi abusiva); nel testo inglese, invece, l’espressione “contrary to the requirement of good faith” indica il contrasto della clausola con il requisito della buona fede, in senso oggettivo.
Questa traduzione non cambia il senso della norma?
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
arianna



Iscritto: 17 Feb 2005
Messaggi: 161

MessaggioInviato: Gio, 01 Dic 2005; 23:10    Oggetto: Rispondi con citazione

Personalmente trovo che l'abbreviazione della frase malgrado (il requisito della) la buona fede non cambi affatto il senso della norma...
Il requisito della... è sottointeso.
_________________
Felice chi lancia i pensieri come allodole
in libero volo verso i cieli del mattino!
__________

Arianna
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email MSN Messenger
giandemilan



Iscritto: 19 Feb 2005
Messaggi: 91
Località di residenza: Milano

MessaggioInviato: Ven, 02 Dic 2005; 0:36    Oggetto: Rispondi con citazione

Il problema posto da Leda (che peraltro è oggetto non da oggi di discussione tra i giuristi) riguarda fors'anche la soppressione o piuttosto il mantenimento delle parole "il requisito della", ma a dire il vero sta soprattutto nel "malgrado". Si tratta di capire se questa preposizione traduca correttamente il testo della direttiva.
Può essere utile spiegarsi più in dettaglio, anche per venire in aiuto a chi non ha familiarità coi concetti di buona fede soggettiva ed oggettiva, pur con qualche forzatura derivante dalla necessità di semplificare il discorso.
Se si dice che è illegittima una clausola contrattuale vessatoria, predisposta da uno dei contraenti, la quale, "malgrado la buona fede", determini un significativo squilibrio ecc., il senso del discorso è: anche se tu quando hai predisposto la clausola eri (soggettivamente) in buona fede, cioè non volevi "fregare" la tua controparte, la clausola è illegittima lo stesso, qualora essa risulti dare luogo a quello squilibrio.
Altro sarebbe il senso della norma se invece la traduzione corretta fosse, per esempio, "in spregio alla buona fede".
In questo caso la buona fede sarebbe da considerare oggettivamente, cioè farebbe tutt'uno col fatto che la clausola determini uno squilibrio a danno del contraente più debole. In sostanza, il senso del discorso sarebbe: la clausola è contraria alla buona fede proprio perché dà luogo a quello squilibrio. Si tenga presente che in forza dell'art. 1366 cod. civ. la buona fede (oggettiva) è un canone ermeneutico fondamentale per l'interpretazione dei contratti.
Nella pratica applicativa a seconda che si scelga l'uno o l'altro modo di tradurre si può giungere a risultati differenti.
Spero di essere riuscito a spiegarmi chiaramente, anche se a quest'ora sono un po' assonnato. Ovviamente lo scopo del mio intervento non è di risolvere il problema posto da Leda ma di precisarne i termini. Per quel poco che so di inglese, contrary to mi sembra essere reso meglio dal secondo che dal primo modo di traduzione. Per le altre lingue non so.
Cordiali saluti.
_________________
giandemilan


Ultima modifica effettuata da giandemilan il Ven, 02 Dic 2005; 17:25, modificato 1 volta in totale
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Leda



Iscritto: 14 Nov 2005
Messaggi: 24

MessaggioInviato: Ven, 02 Dic 2005; 15:58    Oggetto: Rispondi con citazione

Il senso della domanda è quello chiarito da Giandemilan: senza addentrarsi nell’approfondimento dell’interpretazione giuridica della norma, ché non è questa la sede adatta, mi chiedo come si sia potuto tradurre “contrary to the requirement of good faith” con “malgrado la buona fede”.
Ho fatto riferimento all’inglese perché è l’unica lingua straniera che conosco discretamente, ma anche le altre versioni mi sembrano sulla stessa linea di quella inglese.
Il testo italiano non è chiarissimo già di per sé (anche perché introduce una precisazione superflua, in quanto non si vede come la convinzione soggettiva di un contraente avrebbe potuto fare venir meno l’illegittimità di una clausola abusiva per legge), se poi lo si confronta con gli altri, che oltretutto costituiscono la versione originaria, i dubbi aumentano, a meno che il termine “malgrado”, in questo caso usato con funzione di preposizione avversativa (?), abbia significati a me ignoti.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Eorl



Iscritto: 12 Dic 2005
Messaggi: 30

MessaggioInviato: Gio, 15 Dic 2005; 19:01    Oggetto: Rispondi con citazione

La lingua più chiara ed inequivoca è considerata il francese, e non per nulla è la prima: le successive sono traduzioni.
Facendo riferimento ad essa valgono comunque le considerazioni sopra: la versione italiana è stata poco rigorosa.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
xavier



Iscritto: 26 Giu 2005
Messaggi: 140
Località di residenza: sott'a Maiella

MessaggioInviato: Ven, 16 Dic 2005; 0:39    Oggetto: Rispondi con citazione

E se fosse stato tradotto con rigore :

"elle crée au détriment du consommateur un déséquilibre significatif entre les droits et obligations des parties découlant du contrat."


"crea, a danno del consumatore, uno squilibrio significativo tra i diritti e gli obblighi delle parti derivanti dal contratto. "
_________________
tra bombolette e sassi, sto digitando tranquillo
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Invia email
Mostra i messaggi a partire da:   
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica Tutti gli orari del forum sono CET (Europa)
Pag. 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi iniziare nuovi argomenti
Non puoi rispondere ai messaggi
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare i sondaggi