Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
 FAQFAQ   CercaCerca   IscrittiIscritti   Gruppo  utentiGruppo utenti   IscrizioneIscrizione 
 ProfiloProfilo   Login per controllare i messaggi privatiLogin per controllare i messaggi privati   LoginLogin 

Il tre cogeminante
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4
 
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica
Mostra argomento precedente :: Mostra argomento successivo  
Autore Messaggio
bubu7



Iscritto: 27 Gen 2005
Messaggi: 225

MessaggioInviato: Ven, 23 Dic 2005; 11:43    Oggetto: Re: «Tre(q)quarti» Rispondi con citazione

Infarinato ha scritto:
Comunque, il motivo mi sembra ovvio. Queste grafie sono quelle entrate (a torto o a ragione -lege: a torto! Mr. Green) nell’uso. Ora, siccome in italiano i fonemi rappresentati da grafemi scempi si pronunciano (all’interno di parola) rigorosamente tali (tranne /ts, dz/ z, che sono sempre rafforzati in posizione posvocalica), la pronuncia raccomandata dal Canepàri è effettivamente l’unica raccomandabile per le grafie date (…grafie che personalmente ritengo infelicissime Evil or Very Mad).

Mi sembra una buona spiegazione.
Il motivo per cui le grafie sono scempie potrebbe essere che questi termini sono relativamente recenti, entrati in italiano in periodi nei quali l'attenzione per la grafia si accompagnava alla minore sensibilità per il fenomeno del raddoppiamento fonosintattico e alla sua resa grafica.
Continuo comunque a rimanere perplesso sulla scelta del Canepari.
Ammesso (e non concesso) che la pronuncia di gran lunga più diffusa sia quella raddoppiata (su questo mi piacerebbe avere lumi) egli avrebbe dovuto indicare quest'ultima come pronuncia consigliabile.
Del resto, questo mi sembra uno dei criteri fondamentali su cui si basa il suo Dizionario: se la pronuncia è molto più diffusa, essa è indicata come pronuncia media, consigliabile.
Inoltre si avrebbe, nella pronuncia, la priorità dello scritto sul parlato. Dovrei pronunciare col raddoppiamento, se leggo le parole separate; senza raddoppiamento, la parola singola; a seconda di come me la immagino, nel caso stessi semplicemente dialogando con qualcuno.
Questo non mi convince punto!
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Infarinato



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 564

MessaggioInviato: Ven, 23 Dic 2005; 12:10    Oggetto: Re: «Tre(q)quarti» Rispondi con citazione

bubu7 ha scritto:
Infarinato ha scritto:
Comunque, il motivo mi sembra ovvio. Queste grafie sono quelle entrate (a torto o a ragione -lege: a torto! Mr. Green) nell’uso…

Mi sembra una buona spiegazione.

A conferma di ciò, se uno cerca cionnonostante sul DiPI (…vado a memoria: non mi ricordo se il lemma sia proprio questo), vedrà che la pronuncia raccomandata (i.e. «neutra moderna/tradizionale») è quella con /nn/, mentre quella con /n/ è solo «accettabile»; viceversa per ciononostante. Wink
bubu7 ha scritto:
Il motivo per cui le grafie sono scempie potrebbe essere che questi termini sono relativamente recenti, entrati in italiano in periodi nei quali l'attenzione per la grafia si accompagnava alla minore sensibilità per il fenomeno del raddoppiamento fonosintattico e alla sua resa grafica.

Proprio cosí.
bubu7 ha scritto:
Continuo comunque a rimanere perplesso sulla scelta del Canepari.
Ammesso (e non concesso) che la pronuncia di gran lunga più diffusa sia quella raddoppiata (su questo mi piacerebbe avere lumi) egli avrebbe dovuto indicare quest'ultima come pronuncia consigliabile.

La cosa lascia perplesso anche me, ma potrebbe significare che [la pedestre lettura di] queste grafie univerbate (non raddoppiate) stia cominciando ad avere un’influenza sull’effettiva pronuncia dei cosiddetti «professionisti della voce»… Rolling Eyes
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Visita il sito di chi scrive
giulia tonelli



Iscritto: 19 Apr 2005
Messaggi: 441
Località di residenza: Pisa

MessaggioInviato: Ven, 23 Dic 2005; 16:01    Oggetto: Rispondi con citazione

Il direttore del mio coro, fiorentino DOC con pronuncia spettacolare, dice bequadro con la q scempia e addirittura un po' aspirata...
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Leda



Iscritto: 14 Nov 2005
Messaggi: 24

MessaggioInviato: Ven, 23 Dic 2005; 16:08    Oggetto: Rispondi con citazione

Ancora con questa cogeminazione? Smile (Esisterà questa parola?)
Eppure mi è venuta in mente "ziqqurat", basterà per tenere compagnia a soqquadro? A proposito, si può dire soqquadare?
Buon Natale a tutti.
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato
Infarinato



Iscritto: 17 Gen 2005
Messaggi: 564

MessaggioInviato: Ven, 23 Dic 2005; 16:09    Oggetto: Rispondi con citazione

giulia tonelli ha scritto:
Il direttore del mio coro, fiorentino DOC con pronuncia spettacolare, dice bequadro con la q scempia e addirittura un po' aspirata...

Questo è normale (anch’io lo pronuncio cosí): ormai be è parola desueta, di cui s’è [quasi] persa cognizione (del suo essere e parola a sé, nonché del suo potere cogeminante)…
Vai ad inizio pagina
Mostra il profilo utente Invia un messaggio privato Visita il sito di chi scrive
Mostra i messaggi a partire da:   
Questo forum è bloccato. Non è possibile modificare, cancellare, rispondere o scrivere messaggi   Questo forum è bloccato. Non è possibile rispondere o modificare messaggi    Index del forum -> Consulenza linguistica Tutti gli orari del forum sono CET (Europa)
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4
Pag. 4 di 4

 
Vai a:  
Non puoi iniziare nuovi argomenti
Non puoi rispondere ai messaggi
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare i sondaggi