Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Scout

Creato il: 09/03/2004 alle 14.49.19

Messaggio

Scout
Scout, Oltre al rilievo d’Infarinato, aggiungo d’essere sorpreso, come artigiano ( non in qualità di artigiano), del suo “senza rancore”. Non era dicerto ironia, la sua, giacché avrebbe potuto ironicamente scrivere l’intero suo intervento. Ma forse le sarebbe parso troppo educato. Mi pare dunque che sia lei a mancare di “toni moderati”. Non voglio replicare con una della mie “pillole di saggezza sociopsicofilosofofumica”, che sono spesso brani invero “oggi” trascurati, ignorati o né davvero compresi: chi le dà la certezza di sentirsi offeso dal mio intervento, se lei per primo non è riuscito a esporre in modo chiaro e certo il suo? Se qualcuno mostra improntitudine allora… Forse le converrebbe usare una delle mie “citazioncelle”, sempre che ne trovi alcuna adatta. Inoltre il “demone della presunzione” è percepibile più tosto nel suo: “Il tema proposto era altro. Per affrontarlo seriamente, bisogna conoscere i romanzi storici italiani, gli autori, la lingua che usarono. Manzoni era la mossa iniziale (la più elementare, a dirla senza peli sulla lingua)” o ancora “Le pare sia tanto ingenuo da proporre un argomento sconoscendone le pieghe?” Non credo ci sia “improntitudine” nel soprannominarsi studioso: ciò (non ha mai pensato che potrebbe essere frutto d’ironia?) mi ha evitato d’appigliarmi a titoli o pubblicazioni o altro per far prevalere la mia opinione, la quale spesso è solo accennata e in modo non chiaro a tutti. Concludo dunque con l’invito a non sentirsi offeso dalla mia citazione del Teeteto, la quale, come ha giustamente rilevato Infarinato, non era attinente soltanto al suo intervento. Ora che lei ha fatto notare la mancanza d’una sua ingenuità nel proporre temi di discussione, tratterò qualsiasi mio frase che possa punzecchiare il suo “difetto” di “non avere peli sulla lingua”. Difetto che, del resto, non mi pare meno comune della mia pretesa “scienza in pillole” ma più maleducato…

Autore : studioso - Email : nicolajluc@tiscalinet.it
Inviato il : 09/03/2004 alle 14.49.19


Gli altri messaggi

Lingua e romanzo (storico?) - scout - (02/03/2004 14.55.48)
R: :-) - Infarinato - (02/03/2004 17.45.21)
R: Lingua e romanzo (storico?) - Vittorio - (02/03/2004 22.07.54)
R:R: Dal - studioso - (03/03/2004 15.14.12)
R: Lingua e romanzo (storico?) - scout - (07/03/2004 19.48.22)
R:R: Lingua e romanzo (storico?) - MarcoG - (08/03/2004 10.29.19)
R:R:R: Lingua e romanzo (storico?) - scout - (08/03/2004 23.36.49)
R:R:R:R: Lingua e romanzo (storico?) - MarcoG - (09/03/2004 10.21.31)
R:R: Lingua e romanzo (storico?) - artigiano - (08/03/2004 16.27.01)
R:R:R: Lingua e romanzo (storico?) - scout - (09/03/2004 09.51.01)
R:R: Lingua e romanzo (storico?) - Infarinato - (08/03/2004 22.54.24)
R:R: Scout - studioso - (09/03/2004 14.49.19)
R:R:R: Scout - scout - (12/03/2004 23.58.43)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada