Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

una considerazione.

Creato il: 15/02/2004 alle 14.50.06

Messaggio

una considerazione.
Non riuscirò a fornire una risposta, ché non so se c’è. Proverò con qualche spunto di riflessione. L’analfabetismo di ritorno non dovrebbe riguardare gli adolescenti, che però sembrano essere affetti dall’analfabetismo di ‘andata’, visto che, nonostante nell’età dell’adolescenza ancora non si dovrebbe aver terminato il percorso scolastico, già si intuiscono analfabeti. Ma tant’è… questa è già, con amaro sarcasmo, la soluzione al problema dell’analfabetismo di ritorno. Una volta l’analfabetismo di ritorno era semplicemente il ‘dimenticare’ ciò che era stato appreso negli anni degli studi, solo perché nella vita lavorativa non si riusciva a metterne in pratica che il 10-20%, e non c’era il tempo di continuare ad occuparsene, ché la 'pagnotta' aveva giustamente la priorità; oggi, non solo comincia molto prima, ma abbraccia un ambito ben più grande, che fa dire a lei “analfabetismo di chi legge senza capire e parla e scrive senza comunicare”. Credo sia una forma di ‘autismo’ sociale, generato e alimentato dalla nuova cultura del “tutto e subito”, del “bello perché costoso”, di stereotipi che propongono solo l’effimero e ne sollecitano la necessità. Questo pone nei giovani e meno giovani la consapevolezza che la cultura, fondamento e alimento quotidiano della mente, sia da aborrire e da evitare come spreco del tempo, che occorre invece impiegare con profitto (per il business che muove purtroppo oggi l’individuo-fantoccio) in scelleratezze. Leggere, capire, io aggiungerei riflettere, che come conseguenza hanno anche il parlare e lo scrivere, oggi sono considerate attività improduttive. C’è traccia di questo dappertutto, e mi è facile cogliere l’occasione per notare l’esempio chiarissimo in questo forum: una invasione di quesiti scritti con molta evidenza da qualcuno che legge senza capire e scrive senza comunicare; e una disponibilità umana e relativa professionalità scambiata per intolleranza. Sembra che sia questo il ‘canto’, mentre ‘discanto’ paiono quelle poche voci indefessamente costrette a gridare per farsi ascoltare. E non sempre ci riescono.

Autore : marcri - Email : giuclapa@hotmail.com
Inviato il : 15/02/2004 alle 14.50.06


Gli altri messaggi

una considerazione. - Walter28 - (13/02/2004 19.16.22)
R: una considerazione. - marcri - (15/02/2004 14.50.06)
R:R: FT: Ne prendo atto - Vittorio - (16/02/2004 13.30.51)
R:R:R: FT: Ne prendo atto - marcri - (17/02/2004 12.34.59)
R:R:R:R: FT: Grazie, ma... - Vittorio - (18/02/2004 11.45.30)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada