Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

UNI 6015

Creato il: 10/12/2003 alle 11.53.57

Messaggio

UNI 6015
Cedo ben volentieri al «cortese invito» d'Infarinato, pur consapevole che vado a... cercarmi guai come Violetta ('absit iniuria verbis').

La norma UNI 6015, «Uso del segnaccento obbligatorio nella lingua italiana» è appunto una "norma" e, poi che emessa dall'UNI, "tecnica", seppure piuttosto anomala.
L'osservanza d'una "norma tecnica" può infatti produrre una presunzione di conformità a un requisito obbligatorio, ma non riveste carattere d'obbligatorietà fino a che questo non sia imposto da una legge o da altro intervento "cogente"; cosí è, anche se la nostra parola "norma" si presta a qualche equivoco, e sarebbe forse meglio utilizzare l'equivalente inglese 'standard', ossia, etimologicamente, "bandiera". È ben vero che nelle applicazioni tecniche 'stricto sensu' è impossibile riuscire a vendere, che so io, tubi o viti che non si conformino alle "unificazioni" correnti (che divengono spessissimo un requisito "specificato" in sede di trattativa d'acquisto), ma in campo editoriale non avviene lo stesso: si stampano, e si vendono bene, anche pubblicazioni ove l'accento tonico obbligatorio non è segnato secondo le raccomandazioni dalla UNI 6015. In particolare, questa norma prevede l'uso dell'accento acuto soltanto per indicare le 'e' chiuse toniche in fine di parola (l'italiano, a differenza d'alcuni suoi dialetti, tra i quali notevole il veneziano, non ha 'o' toniche chiuse finali). L'indicazione dell'apertura o chiusura delle vocali toniche all'inizio o in corpo di parola s'assume come "non obbligatoria" e pertanto esula dai fini della norma UNI 6015.
Molti editori, e molti Italiani tra i quali anch'io, preferiscono indicare con accenti acuti le 'i' e le 'u' toniche finali, perché vocali 'naturaliter' chiuse (io uso invece 'ì' e 'ù' per indicare gli accenti tonici, quando mi sembra utile, sulle stesse vocali all'inizio o in corpo di parola: è un vezzo, lo so bene, ma non credo faccia male ad alcuno).
Per esempio, tra le collane edite da Einaudi, i 'Millenni' si conformano alla norma UNI, non cosí la 'Pléiade' che usa 'í' ed 'ú'; ancora Einaudi stampa i testi narrativi nuovi (in particolare nei 'Supercoralli') seguendo le preferenze degli autori. Altri editori, anche molto raffinati, proseguono l'uso antico e segnano gli accenti tonici esclusivamente con il segno del grave: del resto cosí raccomandava, ancora una cinquantina d'anni fa, un linguista della levatura di Bruno Migliorini .

Il caso è quindi completamente diverso da quello del plurale di "euro" (unità monetaria), neologismo "creato" invariabile, senza sanzioni per i trasgressori, da una legge che converte la direttiva europea "madre" del neologismo (piú che la legge sta decidendo, come il solito, l'uso).


Autore : Vittorio - Email : Vittorio.Mascherpa@rcm.inet.it
Inviato il : 10/12/2003 alle 11.53.57


Gli altri messaggi

fiorentino sì o no ? - scout - (05/12/2003 00.14.06)
R: fiorentino sì o no ? - Infarinato - (05/12/2003 12.45.57)
R:R: fiorentino sì o no ? - scout - (05/12/2003 20.25.41)
R:R:R: FT: Milano - Infarinato - (07/12/2003 01.14.32)
R:R: fiorentino sì o no ? - class1c - (06/12/2003 16.43.18)
R:R:R: Grazie… - Infarinato - (07/12/2003 00.20.49)
R:R:R:R: Grazie… - class1c - (08/12/2003 17.29.00)
R:R:R:R: Mi piacerebbe... - studioso - (08/12/2003 18.00.58)
R:R:R:R: UNI 6015 - Vittorio - (10/12/2003 11.53.57)
R:R:R:R:R: UNI 6015 - avemundi - (11/12/2003 23.09.51)
R:R:R:R:R: UNI 6015 - class1c - (12/12/2003 23.59.12)
R: fiorentino sì o no ? - avemundi - (05/12/2003 18.09.20)
R: fiorentino sì o no ? - skalzo - (10/12/2003 11.30.34)
R:R: Veramente… - Infarinato - (20/12/2003 21.04.49)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada