Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Hsia/Xia

Creato il: 14/11/2003 alle 21.36.11

Messaggio

Hsia/Xia
Caro Gèffe ’ostí, ma Lei, a furia d’«imbattersi», o ’un finirà per prendere una «cantonata»?  ;-)
Scherzi a parte, il quesito è in realtà interessante, perché ad esso sottende la questione spinosa dell’«italianizzazione» delle pronuncia nativa delle parole straniere. Ma procediamo con ordine:
  • Allora, innanzi tutto, la consonante del cinese mandarino rappresentata in Wade-Giles dal nesso «hs» (e in pinyin da «x») non è esattamente la consonante fricativa postalveloare sorda [S] («sci» nell’italiano «conscio»), ma (piú o meno) la consonante fricativa alveopalatale sorda (il Canepàri parlerebbe piú precisamente di «contoide costrittivo solcato prepalato-labiale sordo») il cui simbolo IPA è una «c» la cui estremità inferiore si ripiega su sé stessa dando luogo a un occhiello e a un piccolo allungo inferiore diretto da destra a sinistra, e che qui io indicherò con [c,]. Essa sta (piú o meno) a metà strada tra [S] e [ç] («ch» nel tedesco [standard] «ich»).
  • Essendo del tutto fuori questione la possibilità di rendere (in un contesto italiano) il fono in oggetto alla nativa, si pone allora il problema di quale fonema italiano (o eventualmente «xenofonema» preso a prestito dalle lingue piú conosciute da noi) utilizzare per [c,]. Dalla consultazione del DiPI, dove, però, ho potuto trovare solo un esempio e, per di piú, in pinyin (scilicet «Deng Xiao Ping»), si evince che le pronunce «normali» sarebbero, nell’ordine, /ks/ e /s/, mentre /S/ è classificata come «intenzionale». Se qualcuno ha il DOP sottomano, sarebbe utile sapere la pronuncia che esso dà per il nesso «hs» (non credo che il pinyin fosse già in auge ai tempi del DOP), anche se temo che il DOP dia soltanto le pronunce native per i forestierismi «non adattati», il che non ci aiuta.
Conclusione personale: considerando che la pronuncia /ks/ appare piuttosto innaturale nei casi in cui [c,] viene trascritto da «hs», direi che la pronuncia italianizzata piú normale per il fono in questione sembra essere [s], il che ovviamente giustifica l’uso dell’articolo «il»/«i». Se si propendesse per [S], allora l’articolo dovrebbe essere «lo»/«gli», ché in italiano standard una /S/ intervocalica non rafforzata non si dà.

Autore : Infarinato - Email : p.matteucci@soton.ac.uk
Inviato il : 14/11/2003 alle 21.36.11


Gli altri messaggi

Hsia - Hsia - (11/11/2003 22.04.29)
R: Hsia - avemundi - (12/11/2003 22.17.58)
R:R: Shimamura - Hsia - (12/11/2003 23.35.17)
R:R:R: Shimamura - Bue - (13/11/2003 18.56.53)
R:R:R: Articoli davanti ad acronimi - Vittorio - (13/11/2003 21.48.56)
R:R:R:R: SUA - Stefano - (14/11/2003 12.30.00)
R:R:R:R:R: SUA - Vittorio - (18/11/2003 16.21.47)
R: Hsia/Xia - Infarinato - (14/11/2003 21.36.11)
R:R: Hsia/Xia - Marco1971 - (15/11/2003 14.18.40)
R:R:R: Hsia/Xia - Infarinato - (18/11/2003 19.03.02)
R:R: Hsia/Xia - avemundi - (16/11/2003 19.32.11)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada