Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Due esempi!

Creato il: 10/10/2003 alle 20.55.31

Messaggio

Due esempi!
Le cito solo due esempi, in risposta al Suo ultimo quesito, dal “Garzanti” in rete: Coppia, s. f. 1 due persone, due animali o due cose uniti per uno scopo e considerati come un'unità organica: una coppia di sposi, di ballerini; una coppia di buoi, di candelabri | (assol.) due persone di sesso diverso unite fra loro da un rapporto amoroso: essere, formare una bella coppia | far coppia fissa, si dice di due persone che si fanno vedere spesso insieme | in coppia, a coppia, a due a due. DIM. Coppietta – Sentire, v. tr. [io sènto ecc.] 1 apprendere, attraverso i sensi, alcuni dati dell'esperienza immediata del mondo esterno; avvertire impressioni suscitate da stimoli interni o esterni e prenderne coscienza: sentire caldo, sete, sonno; sentire un odore, un sapore; sentire un dolore, il solletico; senti se ti piace questo vino; senti com'è ruvida questa stoffa; sentire i brividi lungo la schiena; sentirsi addosso gli sguardi della gente; il cavallo sente la frusta; il cane sente la lepre, ne avverte la presenza all'odore | sentire al sapore, all'odore, al tatto, riconoscere, giudicare qualcosa assaggiandola, annusandola, toccandola | sentire il polso a qualcuno, tenerlo stretto per controllarne le pulsazioni | sentire il tempo, risentire delle condizioni atmosferiche | il freddo si fa sentire, è molto forte 2 udire, ascoltare, prestare attenzione: sentire un rumore; sentire dire qualcosa; ho sentito qualcuno che gridava; mi sono sentito chiamare; il giudice decide dopo aver sentito le parti; sentire la musica, una conferenza, un richiamo; sentire gente, udire qualcuno che parla, che sta per arrivare ecc.; sentimi un po', stammi ad ascoltare, dammi retta; a sentir quel tale... , se si crede a quel che dice... | sentirci bene, avere l'udito buono | non sentirci, essere sordo; (fig.) far finta di non capire: non ci sente da quell'orecchio! | ora mi sentirà!, minacciando di rimproverare aspramente qualcuno | non sente ragione, non vuole essere ragionevole, non vuole cambiare idea per quanto si tenti di convincerlo | farsi sentire, affermare con decisione le proprie ragioni | sentire messa, assistervi | sentire il dottore, consultarlo | prov. : non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire 3 informarsi, venire a sapere; intendere, avvertire, presentire: senti che cosa vuole, che cosa ne pensa; ho sentito la brutta notizia; in queste parole si sente la sua nobiltà d'animo; sento che tutto andrà bene; lo sentivo che sarebbe accaduto | sentirne di tutti i colori, ascoltare ogni genere di discorsi, spec. se strani, cervellotici, sconvenienti e sim.; anche, avere notizia dei fatti più sconcertanti, stravaganti, insoliti 4 provare sentimenti e reazioni emotive intime; avere coscienza di un proprio stato interiore, di una determinata situazione emotiva, sentimentale: sentire simpatia, paura, amicizia, pietà per qualcuno; sentire un rimorso; non sentiva nulla per lei; sento di amarla; sente molto la vostra mancanza; sento degli obblighi verso di loro | essere in grado di ammirare, comprendere qualcosa: sentire la musica, la natura, il bello | (non com.) essere di un certo parere; pensare, giudicare: non la sentiamo allo stesso modo ||| v. intr. [aus. avere] (non com.) 1 avere odore, sapore (anche fig.): questa stanza sente di chiuso; il vino sente di aceto; una faccenda che sente d'imbroglio 2 (lett.) avere sensibilità: chi non sente, non comprende a fondo l'arte, la musica | sentire altamente, nobilmente, avere sentimenti alti, nobili ||| sentirsi v. rifl. 1 provare una sensazione fisica: sentirsi stanco; sentirsi bene, male; sentirsi svenire 2 essere in un determinato stato d'animo: sentirsi felice, commosso, turbato; sentirsi ribollire dall'ira | sentirsela, avere la forza, il coraggio di fare qualcosa: non me la sentodi dargli questa notizia | sentirsi in debito verso qualcuno, riconoscersi obbligato nei suoi confronti | sentirsi dalla parte della ragione, del torto, essere consapevole o convinto di avere ragione, di avere torto ||| v. rifl. rec. (fam.) telefonarsi: sentiamoci domani!.

Autore : marcri - Email : giuclapa@libero.it
Inviato il : 10/10/2003 alle 20.55.31


Gli altri messaggi

Due esempi! - marcri - (10/10/2003 20.55.31)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada