Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

I videogiochi appartengono ai media?

Creato il: 22/09/2003 alle 12.53.31

Messaggio

I videogiochi appartengono ai media?
Il quesito merita due distinti livelli di osservazione. Il primo, accecante lampo di ovvietà: la frase “Il videogioco è un media che…” è costruita in modo errato, poiché per ‘mass media’, abbreviato con ‘media’, tradizionali (quali cinema, radio, giornali eccetera) o nuovi media (Internet, cellulari di ultima generazione eccetera), si intende il complesso degli organi di informazione che, per la loro natura, sono in grado di raggiungere e influenzare, talvolta condizionare, un pubblico molto vasto, indifferenziato. Il termine ‘media’, quindi, riferito ad un unico medium, per di più al singolare, è improprio, anche se, di recente, questo uso è sempre più diffuso. Ponendomi al secondo livello di osservazione, invece, l’aspetto senza dubbio meno ovvio, trovo il quesito interessante sotto il profilo sociologico, poiché i videogiochi DEVONO essere considerati mezzi di comunicazione. I media, è opportuno chiarire, sono strumenti validi per educare (o diseducare) e plasmare le culture, e hanno un peso di circa il 50% sul totale degli agenti di socializzazione: la quota restante è divisa, più o meno equamente, tra famiglia, scuola e gruppi di appartenenza. Tra i media dobbiamo necessariamente inserire le fonti tradizionali e tutte quelle di nuova generazione, digitali, multimediali e interattive, nell’ambito delle quali i videogiochi hanno un ruolo non secondario, essendo capaci di modificare le convinzioni e i comportamenti dei giovani e anche degli adulti. Non a caso, come è ben noto a noi, la sfida della tutela dei minori non è più diretta solo in direzione di stampa e TV, ma anche di videogiochi e Internet. Il videogioco, pertanto, è un mezzo di comunicazione, è un agente di socializzazione ed è indubitabilmente sia un’arma potente di condizionamento dei minori, foriera di comportamenti violenti, talvolta devianti o anomici, sia uno strumento di marketing tra i più efficaci, poiché il mercato sviluppato dalle grandi major attorno agli accessori utilizzati dagli eroi virtuali è tra i più fiorenti e in continua crescita.

Autore : Max - Email : max9999@infinito.it
Inviato il : 22/09/2003 alle 12.53.31


Gli altri messaggi

I videogiochi appartengono ai media - Max - (22/09/2003 12.53.31)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada