Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Ancora sulla preposizione giusta

Creato il: 23/08/2003 alle 11.57.00

Messaggio

Ancora sulla preposizione giusta
Trascrivo dal DISC prima le accezioni 1 a 5, in modo che riesca comprensibile la nota in fondo alla trattazione della voce ‘formare’: "1. Dare una forma a qlco. [S] modellare: ‘gli alunni con la plastilina formano le figurine del presepio’ / 2. fig. Educare qlcu., renderlo più maturo [S] plasmare: ‘f. i giovani; queste esperienze hanno formato la sua personalità’ / 3. Far nascere qlco. di nuovo [S] istituire, dare origine: ‘f. il nuovo governo, una famiglia’ / 4. Comporre una certa figura; assumere una particolare forma: ‘i bambini giocando formarono un cerchio; le anatre selvatiche in volo formano un perfetto triangolo’ / 5. Con valore copul., venire a comporre un tutto organico: ‘questi ragazzi formano un gruppo affiatatissimo; quindici elementi formano la banda musicale del paese’." Ed ecco la nota linguistica che chiude la voce: "Il verbo tr. ha due valori distinti: nelle accezioni 1.-4. ha valore causativo ed esprime la presenza di un agente che opera per produrre un determinato effetto; nell’accezione 5. ha valore copulativo ed esprime il rapporto tra le parti e il tutto che ne risulta. Nel primo caso si può realizzare la costr. passiva: ‘questi giovani sono stati formati da un grande maestro’; nel secondo il passivo non è ammesso, e al suo posto si trova la costr. con il v. ‘essere’ e il part. pass. in funzione di agg. (=> ‘formato’), seguito dalle preposizioni ‘di’ o ‘da’: ‘la banda è formata di (da) quindici elementi’." E l’accezione 2. di "formato" nello stesso dizionario recita: "Costituito, composto (seguito dalle prep. ‘da, di’): ‘un ponte f. da assi di legno; una classe f. da dieci bambini’." In conclusione, da tutto ciò si può concludere che ‘formato’ nel senso di ‘composto’ ammette sia ‘di’ sia ‘da’, ma, sembra, con una preferenza, nell’uso odierno, per il ‘da’ - mentre in tutti gli esempi letterari citati dal Battaglia (tranne il penultimo, della Serao) ‘formato’ (= composto) è costruito sempre con ‘di’. Per quanto riguarda i Suoi esempi, senza la frase intera è difficile dire; ma penso che, riferendosi a quanto sopra trascritto, troverà senz’altro di che risolvere il Suo dubbio.

Autore : Marco1971 - Email : olgs_30@hotmail.com
Inviato il : 23/08/2003 alle 11.57.00


Gli altri messaggi

Ancora sulla preposizione giusta - Marco1971 - (23/08/2003 11.57.00)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada