Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Il quesito della doppia negazione

Creato il: 10/12/2002 alle 22.35.44

Messaggio

Il quesito della doppia negazione
Considerando l'esempio "Non c'è alcun motivo di credere" mi sono reso conto che questo poteva essere il caso proposto da Guattari. Se così fosse, concordo con Vittorio riguardo alla preferibilità di "alcuno" rispetto a "nessuno" (tralasciando la possibilità di usare "veruno", che è di dominio esclusivo dei reazionarî). Però non vedo vantaggi per i traduttori meno provetti, bensì mi limito ad apprezzarne l'eleganza rispetto alla forma "Non c'è nessun motivo", che negando due volte suona leggermente ripetitiva. A voler sfruttare l'effetto si può costruire il seguente dialogo: "Quante volte ti ho già detto che non c'è nesun motivo per crederlo!" (replica in tono sommesso) "Voi giustamente notate che non c'è alcun motivo per crederlo, ma mi sia concesso di avanzare un'ipotesi".

Autore : avemundi - Email : a.mondello@jetop.com
Inviato il : 10/12/2002 alle 22.35.44


Gli altri messaggi

Il quesito della doppia negazione - Guattari - (07/12/2002 10.11.53)
R: Il quesito della doppia negazione - tota - (09/12/2002 11.05.14)
R:R: Il quesito della doppia negazione - drugantibu - (09/12/2002 22.09.23)
R: Il quesito della doppia negazione - avemundi - (09/12/2002 22.12.29)
R: Il quesito della doppia negazione - anonimo - (10/12/2002 10.51.51)
R: Il quesito della doppia negazione - Vittorio - (10/12/2002 10.56.31)
R:R: Il quesito della doppia negazione - avemundi - (10/12/2002 22.35.44)
R: Il quesito della doppia negazione - roberto - (10/12/2002 22.39.39)
R: Il quesito della doppia negazione - nicola - (11/12/2002 15.12.33)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada