Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Ancora su

Creato il: 13/11/2002 alle 13.48.27

Messaggio

Ancora su
Colpito ma non convinto dalla sicurezza con la quale è stato affermato che "iato" è trisillabo, ho consultato i dizionari italiani che ho in casa. Il 'Treccani', di stretta osservanza fiorentina (discende "per li rami" dal Migliorini ed è oggi l'unica pubblicazione dell'Istituto che porta intenzionalmente il nome d'un singolo Autore), taglia corto e per escludere l'accettabilità del dittongo scrive l'esponente come "ïato". Il 'Battaglia' non dà alcuna esplicita indicazione di pronunzia, ma sembra piú tollerante perché accoglie tra molti esempi il foscoliano «lo scontro delle troppe consonanti, il iato delle troppe vocali». Con bonomia tutta felsinea, lo 'Zingarelli' riporta tutt'e due le pronunzie (/i'ato, 'jato/) sin dalla decima edizione (1970), la prima, se non sbaglio, che adotta l'alfabeto fonetico internazionale. Ignoro quale considerazione un Puoti potesse avere d'un turbolento veneziano milanesizzato con discutibili amicizie genovesi, ma per quanto mi riguarda trovo la frequentazione del Foscolo piú interessante che non quella, che so io, d'un Alamanni e ancora non mi arrendo all'idea d'essere un alloglotta.

Autore : Vittorio - Email : Vittorio.Mascherpa@rcm.inet.it
Inviato il : 13/11/2002 alle 13.48.27


Gli altri messaggi

Ancora su - Vittorio - (13/11/2002 13.48.27)
R: Iato - avemundi - (14/11/2002 10.17.59)
R: Ancora su - Basilio Pu - (14/11/2002 10.18.35)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada