Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

'Riandare' e 'Tale'

Creato il: 28/07/2003 alle 21.51.51

Messaggio

'Riandare' e 'Tale'
Quesito alquanto complesso il suo: non so se riuscirò a dire qualcosa di soddisfacente. Sul verbo “riandare” ho la sensazione che Le abbiano contestato, più che la coniugazione, la forma transitiva. Eppure abbiamo degli illustri esempi. Basterebbe citare il sublime Leopardi del pastore errante: “Che fai tu, luna, in ciel?…ancor non sei tu paga di riandare i sempiterni calli?”. Inoltre anche lei operava in un contesto specialistico e “confinato” quale è quello della preparazione-discussione di una tesi di laurea e commentava un testo poetico; insomma si poteva “andare” e non lo hanno fatto, bene ha fatto lei a non demordere. Tuttavia sconsiglierei la diffusione dell’uso transitivo in un testo normale e vieppiù nel comune parlare, onde non suscitare eccessive ilarità. Circa il “tale” mi sembra una questione di sfumature. Il costrutto da lei citato mette in evidenza la causa, l’altro costrutto mette in evidenza le conseguenze. Si confrontino le due forme: “trascina il poeta in tale un'estasi che i punti di contatto con la realtà vengon meno..." e “trascina il poeta in una tale estasi che i punti di contatto con la realtà vengon meno”. Nel percepire le differenze penso che giochi anche la soggettività: può darsi benissimo che, per altri, sia vero l’esatto contrario.

Autore : Ergo - Email : bach501@inwind.it
Inviato il : 28/07/2003 alle 21.51.51


Gli altri messaggi

'Riandare' e 'Tale' - Marco1971 - (26/07/2003 22.30.23)
R: 'Riandare' e 'Tale' - Ergo - (28/07/2003 21.51.51)
R:R: 'Riandare' e 'Tale' - Marco1971 - (29/07/2003 11.32.02)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada