Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

se+condizionale

Creato il: 28/04/2003 alle 23.36.46

Messaggio

se+condizionale
La frase "Non so se potrei essere d'accordo" è corretta; il 'se' dipende dal verbo 'sapere' e non si tratta di una vero e proprio periodo ipotetico (se fossi ricco, smetterei di lavorare). Infatti il 'se' sostituisce il 'che' nella versione positiva della frase: "So che potrei (non) essere d'accordo". Non abbiamo quindi che fare con un 'se' ipotetico. Trascrivo due brani riguardo all'uso di 'se + congiuntivo', il primo da Serianni (XIV, 157): "Il 'se' concessivo e avversativo può introdurre una proposizione col condizionale (l'apodosi ha l'indicativo): 'la sua ripetizione, se proprio non sonerebbe tautologica, non appare almeno necessaria' [...] (= benché non suoni tautologica); 'se dopo la catastrofe di Porto Grande gli ateniesi avrebbero potuto costituire ancora un motivo di timore per i siracusani, dopo l'Asinaro l'indipendenza e la tranquillità di Siracusa erano viceversa assicurate' (= mentre dopo la catastrofe)." Il secondo da Satta (Scrivendo e parlando, sotto la voce 'ipotetiche e no'): "[...] Ma gli insegnanti di ogni ordine e grado non devono escludere in tutti i casi l'esistenza di un 'se' con il condizionale, come invece si è sempre fatto. Ricordiamo di avere scandalizzato i lettori di un giornale per avere osato dare come buono, sul medesimo giornale, questo esempio: 'Se il vocabolario grande verrebbe a costare di più, il nostro figliolo ci imparerebbe anche di più'. Invero, nel dare questo esempio, bisognava premettere - particolare che invece malvagiamente tacemmo - quanto questa ipotetica sapesse di concessiva. In ogni modo fu un coro: errore e orrore, ci voleva 'venisse'. Proviamo: 'Se il vocabolario grande venisse a costare di più, il nostro figliolo ci imparerebbe anche di più'. Ma santo cielo, allora il periodo non funziona, sembra che genitori ricchissimi o impazziti dicano qualcosa come 'Peccato che costi poco'; perché con 'venisse a costare' siamo in piena ipotetica dell'irrealtà, e ci sta che il figliolo impari solo la convenienza di comprare dischi e sigarette invece che vocabolari; oppure si pensa che l'apprendimento sia legato puramente al prezzo. Ultima lontanissima ipotesi, non si esclude che il vocabolario costi di più perché ha una rilegatura lussuosa, e allora il figlio imparerebbe, oltre tutto, a fare il rilegatore. Noi scherziamo sparando battutine a vanvera, ma volevamo dire che nella frase proposta il condizionale ci sembra corretto per un gioco di ellissi, così, pressappoco: 'Se (è giusto tener presente che) il vocabolario grande (qualora scegliessimo proprio quello) verrebbe a costare di più, (è altresì vero che) il nostro figliolo ci imparerebbe anche di più'. Un altro esempio: 'Se il vino mi farebbe male, però mangerei con più soddisfazione'. Che vale: 'Se (è da ricordare che) il vino (qualora eccedessi, qualora ignorassi il medico che me l'ha proibito) mi farebbe male (d'altra parte è vero che bevendone) mangerei con più soffisfazione'. Costui non può dire 'Se il vino mi facesse male mangerei con più soddisfazione'. Altrimenti dopo i genitori impazziti avremmo un bevitore deficiente."

Autore : Marco1971 - Email : olgs_30@hotmail.com
Inviato il : 28/04/2003 alle 23.36.46


Gli altri messaggi

se+condizionale - marcri - (28/04/2003 18.37.33)
R: se+condizionale - codazzo - (28/04/2003 23.31.18)
R:R: se+condizionale - Vittorio - (29/04/2003 11.35.46)
R: se+condizionale - Marco1971 - (28/04/2003 23.36.46)
R:R: se+condizionale - marcri - (29/04/2003 12.58.06)
R:R: se+condizionale - Ergo - (01/05/2003 11.04.27)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada