Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

IGIENE

Creato il: 03/04/2003 alle 12.16.26

Messaggio

IGIENE
Mi scusi la franchezza, ma, lei non si prende il disturbo di leggerla la grammatica di Serianni, e io invece dovrei prendermi quello di trascriverla (perché, quanto a riassumerla, mi sembrava, di averlo già fatto: la “i” non ha quel valore)... La invito ed esorto, invece, a prendere contatto con questo strumento, davvero prezioso, per usare le sue parole (è facilmente reperibile in molte biblioteche; la versione “economica” nelle Garzantine costa 30 euro, e secondo me non può mancare negli scaffali di un amante della lingua quale lei si è dimostrato nei suoi numerosi interventi). Qualcosa però voglio risponderle. Non si possono sempre mescolare problemi diversi in un gran guazzabuglio, come in questo caso si fa con grafia (il caso di “igiene”) e fonetica (i dittonghi). Il problema di “cielo”, “camicie” ecc. è che quella “i” è mero segno grafico: non ce n’è traccia nella pronuncia (e non è un’opinione, è cosa che può essere verificata sperimentalmente: il suono consonantico di “cie” in queste due parole è identico a quello, ad esempio, in “cento”; anche questo pronunciato con la “e” aperta, per tornare alla sua teoria); la “i” è appunto un fossile grafico, che ha origine etimologica (a volte con sovrapposizioni a carattere morfologico, come ad esempio per “acacie”, in cui la presenza della “i”, superflua fonologicamente, è un’eredità analogica dal singolare “acacia”, dove invece serve per indicare il suono palatale davanti alla vocale centrale “a” – altrimenti avremmo “acaca”). In una sua seconda natura grafica la “i” costituisce un digramma insieme a “c” e “g”, per indicare le consonanti affricate palatali davanti a vocali centrali o velari (“ciao”, “ciocco”, “ciucco”; “giallo”, “giorno”, “giunto” – per inciso, sempre sperimentalmente, si può vedere che il suono consonantico iniziale di queste parole è uguale, rispettivamente, a quello di “città”/ “cesto”, e “gente”/ “gita”). Diversissimo è il caso dei dittonghi, di cui poi va a parlare lei: infatti non siamo più su un piano grafico, ma fonetico. Quelle “i”, che nella fattispecie sono semiconsonanti, sono pronunciate, ripeto pronunciate: la lettera, e grafema, “i” rappresenta un suono effettivo. Il dittongo in questione deriva dalla “E” breve latina, che è diventata (per tradizione popolare, e quindi nel parlato) “e” aperta, e successivamente, se tonica e in sillaba libera (con alcune eccezioni che possono essere di volta in volta spiegate) “ie” (con “i” semiconsonante ed “e” aperta; esempio: PEDEM [“E” breve] > pede [“e” aperta] > piede [“i” = j, semiconsonante, ed “e” aperta). Quindi è vero che nel dittongo “ie” in sillaba tonica la “e” è aperta, ma per questa ragione storica; e rimane il fatto che la “i”, che rappresenta una semiconsonante, non ha il ruolo di dare indicazioni sull’apertura della “e” successiva (del resto la “i” non ha mai avuto questa funzione nella storia grafica dell’italiano, e, credo, neanche in altre lingue: invece, in italiano, e anche altrove, è casomai indice di palatalità, come nei casi di “cia”, “cio”, “ciu” di cui parlavamo sopra). Sono aperte anche le “e” di parole come “petto” e “pendo” (e derivano da una “E” breve latina), ma non c’è la “i”, ovviamente, perché il dittongamento non c’è stato (la sillaba infatti è chiusa). Come vede, ripeto, la presenza della “i” nel dittongo non ha nulla a che fare con la volontà di dare indicazioni sull’apertura della vocale che segue: se poi lei voleva dire che può essere utile ricordare che nel dittongo “ie” in sillaba tonica la “e” è sempre aperta, allora è un altro paio di maniche, ma credo che l’avesse presa un po’ larga.

Autore : grufolante - Email : grufo@lando.it
Inviato il : 03/04/2003 alle 12.16.26


Gli altri messaggi

IGIENE - Claudio - (31/03/2003 10.43.04)
R: IGIENE - Marco1971 - (31/03/2003 14.37.53)
R:R: IGIENE - Vittorio - (01/04/2003 11.36.53)
R:R:R: IGIENE - grufolante - (01/04/2003 14.18.56)
R:R:R:R: IGIENE - avemundi - (02/04/2003 12.09.32)
R:R:R:R:R: IGIENE - grufolante - (03/04/2003 12.16.26)
R:R:R:R:R:R: IGIENE - avemundi - (03/04/2003 23.29.28)
R:R:R:R:R:R:R: IGIENE - grufolante - (04/04/2003 11.49.29)
R:R:R:R:R:R: camicetta di controprova - avemundi - (03/04/2003 23.46.49)
R:R:R:R:R:R:R: camicetta di controprova - grufolante - (04/04/2003 11.38.24)
R:R:R:R:R:R:R:R: camicetta di controprova - avemundi - (06/04/2003 14.04.53)
R:R:R:R:R:R:R:R:R: camicetta di controprova - grufolante - (07/04/2003 00.12.34)
R:R:R:R:R:R:R:R:R:R: Serianni o Grufolante? - avemundi - (08/04/2003 18.30.14)
R:R:R:R:R:R:R:R:R:R:R: ballerine o carote? - grufolante - (08/04/2003 21.53.53)
R:R:R:R:R:R:R:R:R:R:R:R: Quando sono scomparsi? - Vittorio - (10/04/2003 11.20.08)
R:R:R:R:R:R:R:R:R:R:R:R: oltre la polemica - avemundi - (10/04/2003 11.46.37)
R:R:R:R:R:R: IGIENE - skalzo - (04/04/2003 16.22.28)
R:R:R:R:R: IGIENE - Marco1971 - (04/04/2003 16.17.55)
R:R:R:R:R:R: IGIENE - avemundi - (06/04/2003 14.12.41)
R:R:R:R:R:R: IGIENE - grufolante - (06/04/2003 14.17.23)
R:R:R:R:R:R:R: IGIENE - grufolante - (08/04/2003 11.35.19)
R:R:R:R: acciecano/accecano - Vittorio - (03/04/2003 23.24.53)
R:R:R:R:R: acciecano/accecano - grufolante - (06/04/2003 13.56.36)
R:R:R:R:R:R: acciecano/accecano - Vittorio - (07/04/2003 13.36.52)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada