Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Raddoppiamento fonosintattico

Creato il: 22/02/2003 alle 20.09.55

Messaggio

Raddoppiamento fonosintattico
Perché scrive «trascurato in gran parte d'Italia»? A me sembrerebbe scientificamente piú corretto, visto che si parla d'un «fenomeno», dirlo "quasi del tutto assente tra gl'italofoni del Nord": i quali, almeno fino a mezzo secolo fa, imparavano la lingua molto piú dalla scrittura che dalla voce. Adesso, perduto l'uso del dialetto, la grande parte dei medesimi italofoni considerano erroneamente "normale" la propria pronunzia: questo non vuol dire che intendano "trascurare" l'uso corretto, bensí che sentono ormai "l'italiano" come lingua propria. Ricordo che un secolo fa esistevano (e ne ho in casa ancora qualche esemplare) dei manualetti d'esercizi progressivi di traduzione dal dialetto in italiano, per uso nelle ultime classi delle scuole elementari, anzi "delle comunali": quelle definite «ottime» da Gadda.

Autore : Vittorio - Email : Vittorio.Mascherpa@rcm.inet.it
Inviato il : 22/02/2003 alle 20.09.55


Gli altri messaggi

Origine del raddoppiamento sintatti - Marco1971 - (19/02/2003 10.16.34)
R: Origine del raddoppiamento sintatti - Basilio Pu - (19/02/2003 12.24.14)
R:R: Raddoppiamento fonosintattico - Vittorio - (22/02/2003 20.09.55)
R:R:R: Cogeminazione sintagmatica - Infarinato - (26/02/2003 15.16.10)
R:R:R:R: Buffissimo - Vittorio - (27/02/2003 18.59.44)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada