Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Molto meglio «ciò», allora!

Creato il: 17/10/2004 alle 23.00.57

Messaggio

Molto meglio «ciò», allora!
Caro avemundi, non mi fraintenda: m’è ben chiaro il senso del Suo intervento, e trovo la Sua argomentazione in gran parte convincente. Tuttavia, avallare una grafia come *c’ho significherebbe creare un unicum, che stride con le regole ortografiche piú elementari della nostra lingua e, proprio per questo, -fatto ben piú importante- mette in imbarazzo il lettore (...piú o meno di questo tenore le considerazioni del Sabatini al riguardo). Inoltre, il fatto che cj ho appartenga al registro colloquiale non significa che a farne uso nello scritto sia soltanto chi normalmente ne abusa nel parlato. Anzi, a ricorrervi [nello scritto] sono spesso parlanti cólti che debbono/desiderano riprodurre l’eloquio popolare, la «lingua viva». Anche il sottoscritto usa saltuariamente tale idiotismo, quando, per esempio, scrive un messaggio di posta elettronica a un amico: un’espressione quale «Sapessi quanto cj ho da lavorare in questi giorni!» non è certo una che mi vergogno d’usare in uno scritto informale. Il problema, semmai, è -come spesso accade- quello di diffondere la grafia «giusta».

Se questa impresa [Le] appare improba, allora molto meglio ricorrere a grafie d’immediata decifrazione quali
ciò, ciai, cià, etc., come fanno, ad esempio, quelli del Vernacoliere. E non mi si venga a dire (...Lei non me lo dirà -lo so) che ciò si può confondere coll’omografo (nonché omofono) pronome, ché d’omografi ce ne sono a bizzeffe in tutte le lingue e il contesto chiarisce ogni ambiguità... Di piú: seguendo il Suo ragionamento, detto pronome (che appartiene a un registro [piú] formale) non potrebbe mai comparire nello stesso contesto in cui si dà un ciò = cj ho.

Da un punto di vista fono-morfologico, poi, la grafia univerbata non è nemmeno da rigettare, ché da sempre i fonetisti difendono i piú logici
ò, ài, à, etc. difronte ai tradizionali (etimologici e -diciamoci la verità- difficilmente soppiantabili) ho, hai, ha, etc.

Autore : Infarinato - Email : infarinato@fastmail.fm
Inviato il : 17/10/2004 alle 23.00.57


Gli altri messaggi

ci ho qualcosa - masaniello - (02/10/2004 22.45.39)
R: «ci ho» e «ho» - Marco1971 - (03/10/2004 17.49.29)
R:R: «Cj ho» - Infarinato - (04/10/2004 12.26.19)
R:R:R: «Cj ho» - artigiano - (07/10/2004 12.29.10)
R:R:R:R: «Cj ho» - Infarinato - (17/10/2004 20.03.17)
R:R:R: «Cj ho» - avemundi - (07/10/2004 11.28.07)
R:R:R:R: Molto meglio «ciò», allora! - Infarinato - (17/10/2004 23.00.57)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada