Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Plurale dei nomi di persona

Creato il: 11/09/2004 alle 19.09.45

Messaggio

Plurale dei nomi di persona
Riporto la trattazione che si trova in Come parlare e scrivere meglio, diretto da Aldo Gabrielli (Milano, Selezione dal Reader’s Digest, 1984, pp. 198-199):

«I nomi propri di persona talvolta si mettono al plurale (i nomi di battesimo, come diciamo noi cristiani, o prenomi: Mario, Ettore, Beatrice, Carolina, eccetera). Nella storia si parla dei due
Bruti, dei due Scipioni, dei numerosi Carli della dinastia carolingia, degli Arrighi dell’Impero germanico, eccetera. Sono frequenti i richiami nella conversazione di ogni giorno alle tre Marie, gli accenni alle varie Marianne o Caterine o ai vari Paoli, Stefani, Giuseppi che per caso sono di nostra conoscenza.
Questi plurali dei nomi propri di persona si fanno dunque secondo le regole dei nomi comuni; pertanto restano invariati nel plurale i nomi propri in
–i:
Molti furono i Luigi che regnarono in Francia.
Parimenti invariati quelli tronchi, come
Mariú, Mimí, Nicolò, e quelli in consonante, Dàvid, Ràul, Borís, e moltissimi altri, di origine straniera, ormai entrati nell’onomastica nazionale.
Anche per i nomi propri di persona, come abbiamo detto per i nomi propri geografici, vale la norma che restano invariati quelli maschili in
–a: Luca, Battista, Enea, eccetera:
Dei due Andrea venerati come santi, uno solo è riconosciuto dalla Chiesa.
I cognomi, a differenza dei nomi di battesimo, non variano mai nel plurale:
i Visconti, i Borromeo, gli Sforza, i Nascimbene, gli Ardigò, eccetera. Se variassero, e noi, per indicare i componenti di una famiglia il cui cognome fosse Fornaro, dicessimo i “Fornari”, il cognome cosí deformato diventerebbe identico a un altro cognome che già esiste: Fornari.
I soprannomi seguono per il plurale le stesse regole dei nomi. Se in una famiglia il soprannome à
Malagrazia, i componenti di quella famiglia saranno i Malagrazia, perché quel soprannome è un maschile terminante in –a. Se invece il soprannome fosse Testone o Salterello, ne verrebbero i plurali Testoni e Salterelli

Tuttavia, Luca Serianni, citando il grande Migliorini, dice: «Ma recentemente si è notata la tendenza a lasciare sempre invariato il nome (“i tre
Giuseppe”)». Vero è che in alcuni casi il nome al plurale suona male, e poiché sono oggi ammesse le due possibilità (variabile o invariabile) — mentre nell’italiano antico nomi e cognomi erano solitamente variabili —, lasciamoci guidare dall’orecchio addestrato al buon gusto.

Autore : Marco1971 - Email : olgs_30@hotmail.com
Inviato il : 11/09/2004 alle 19.09.45


Gli altri messaggi

Le due Simone - Mirco - (11/09/2004 16.09.11)
R: Plurale dei nomi di persona - Marco1971 - (11/09/2004 19.09.45)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada