Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

*ci/gli

Creato il: 02/05/2004 alle 18.21.00

Messaggio

*ci/gli
Caro ladim, sono io a ringraziarla: lei contribuisce alla «spinta verso l’alto», di cui questo forum tanto abbisogna. Quando sarà chiara a tutti l’inanità di spiegare a chi «intender non pole», forse le discussioni feconde rifioriranno e torneranno i partecipanti storici che mancano da molto – troppo – tempo. E grazie anche per aver accolto l’invito a «crearsi un’identità».

Sul «ci/gli» le nostre vedute combaciano in modo perfetto. Una trattazione scientifica del problema si può leggere nella
Grande grammatica italiana di consultazione (vol. I, pp. 557-562), di cui propongo qui un brano:

«Se nel SP incassato della preposizione complessa occorre un SN il cui referente è non animato, allora si deve usare, per rappresentare questo SP, il pronome clitico locativo
ci; alle frasi (167a-c) corrispondono le frasi (168a-c) con locativo ci:

(167a) Carlo teneva le gambe sopra il tavolo.
(167b) Mario si lanciò contro la porta.
(167c) Misero attorno alla casa una fila di alberi.
(168a) Carlo ci teneva le gambe sopra.
(168b) Mario ci si lanciò contro.
(168c) Ci misero attorno una fila di alberi.

Non sono possibili, corrispondentemente a (167a-c), le frasi:

(169a) *Carlo gli teneva le gambe sopra.
(169b) *Mario gli si lanciò contro.
(169c) *Gli misero attorno una fila di alberi.

Le frasi in (169) sono possibili solo se nel SP rappresentato dal pronome clitico c’è un SN il cui referente è animato.»

E questo corrobora quanto lei ha scritto sulla condizione «animato/non animato». Io aggiungerei che il «ci» meglio s’adatta a contesti idiomatici o metaforici. Per esempio, «ho dato una pulita al tavolo» si pronominalizza in «gli ho dato una pulita» (azione concreta sull’oggetto); mentre con «ho dato un’occhiata al tuo articolo» (espressione idiomatica) otteniamo «ci ho dato un’occhiata».

Quanto al problema della percezione della lingua da parte del parlante «passivo» (per riprendere il termine da lei usato), mi sembra che pertenga alla psicolinguistica; prospettiva interessante, ma – sia detto fra noi – troppo remota dalle questioni che preoccupano chi, sitibondo, ha brama di verità indefettibili.


Autore : Marco1971 - Email : olgs_30@hotmail.com
Inviato il : 02/05/2004 alle 18.21.00


Gli altri messaggi

ci/gli - anonimo - (20/04/2004 11.48.08)
R: *ci/gli - anonimo - (29/04/2004 20.59.11)
R:R: *ci/gli - Marco1971 - (29/04/2004 23.24.58)
R:R:R: *ci/gli - ladim - (01/05/2004 00.09.28)
R:R:R:R: *ci/gli - Marco1971 - (02/05/2004 18.21.00)
R:R:R:R:R: ***ci/gli, per una tematizzazione d - Ladim - (03/05/2004 18.08.46)
R:R:R:R:R:R: ***ci/gli, per una tematizzazione d - Marco1971 - (04/05/2004 14.26.31)
R:R: *ci/gli - anonimo - (30/04/2004 12.30.28)
R:R:R: **ci/gli - Ladim - (02/05/2004 13.28.29)
R:R:R:R: **ci/gli - anonimo - (03/05/2004 15.09.11)
R:R:R:R:R: ****ci/gli - Ladim - (04/05/2004 12.02.47)
R:R:R:R:R: fiat lux - Ladim - (04/05/2004 17.43.49)
R:R:R: **ci/gli - addenda - Ladim - (02/05/2004 23.11.29)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada