Accademia Accademia della Crusca
Cerca nel sito 
La lingua in rete > Forum
L'Accademia
Storia
Attività
Notiziario
Pubblicazioni
Biblioteca virtuale
La lingua in rete
Crusca in gioco

[ Forum ]

Dittongo e iato: un

Creato il: 27/04/2004 alle 20.02.52

Messaggio

Dittongo e iato: un
A mio parere (per quel che vale), Infarinato dice bene: infatti nella metrica italiana (la quale, ovviamente, non può che rispecchiare la pronunzia) gruppi di vocali non accentate, o accentate in modo "discendente", costituiscono una sola sillaba, senza dipendere dalla presenza di 'i' o di 'u' atone: seppur sia antico, appunto, l'«artificioso espediente metrico», d'allungarne a bisillabica la pronunzia, in casi di necessità o per gusto (invero piú recente) di... prezïosismo. Due esempi noti a tutti e molto distanti nel tempo: in «la donna mia quand'ella altrui saluta» e in «L'albero a cui tendevi», i gruppi 'mìa' e 'roa' sono entrambi monosillabici.
Del resto le vecchie teorizzazioni scolastiche, che (in prosa) li volevano "iati", ossia bisillabici, contrastavano, senza che la cosa desse troppo pensiero, già con i coevi manualetti di metrica, che non potevano negarne il carattere monosillabico: tutto questo era coerente con il tradizionale insegnamento della lingua basato quasi esclusivamente sulla scrittura.

Si può notare anche qualche caso piú complesso: la regoletta di quarant'anni e piú fa leggeva, ad esempio, un iato in 'via' e un dittongo in 'avviamento', seppure a quest'ultimo, piú avvertitamente, già si potessero attribuire cinque sillabe «in quanto composto di "via" bisillabico» (e oggi, di solito, tante gliene si riconoscono, come si può leggere in altra parte di questo sito, tra le prime "risposte ai quesiti").
Secondo «le nuove teorie sillabiche» alle quali ha fatto richiamo Infarinato, si dovrebbe, se bene intendo, considererare 'vìa' monosillabico (come 'mìa'), ma quadrisillabico 'avviare', grazie a quel 'ià' accentato in modo ascendente (e quindi «unico vero caso di "iato"» come quello che si trova in 'poèta'); quadrisillabico sarebbe però anche 'avviamento', dove il gruppo 'ia', ora totalmente atono come l' 'oe' di 'poetessa', non potrebbe che essere dittongo.


Autore : Vittorio - Email : Vittorio.Mascherpa@rcm.inet.it
Inviato il : 27/04/2004 alle 20.02.52


Gli altri messaggi

Dittongo, che problema! - anonimo - (18/04/2004 13.04.16)
R: Dittongo e iato: un falso problema - Infarinato - (19/04/2004 17.07.38)
R:R: Dittongo e iato: un - Vittorio - (27/04/2004 20.02.52)
R: Dittongo, che problema! - pinguino - (19/04/2004 19.12.28)
R: Dittongo, che problema! - anagos - (02/05/2004 23.27.11)
R:R: Dittongo, che problema! - Vittorio - (04/05/2004 15.49.50)
R:R: Del dittongo e dello iato - Infarinato - (05/05/2004 22.25.13)
R:R:R: Errata corrige - Infarinato - (06/05/2004 21.45.07)




Forum
 
Copyright 2002 - Accademia della Crusca - Tutti i diritti riservati - Powered by Dada